Giovedì, 02 Ottobre 2014 00:00

Quartieri spagnoli

Scritto da 
Vota questo articolo
(10 Voti)
© Maria di Pietro © Maria di Pietro

Molti sono gli articoli negativi, critici - in modo distruttivo- , ma anche molto superficiali riguardanti i Quartieri spagnoli. 

 

 

Sorti intorno al XVI secolo per accogliere le guarnigioni militari spagnole, che avrebbero dovuto eventualmente bloccare rivolte del popolo napoletano, sono da sempre stati un quartiere “difficile”. Addirittura Don Pedro de Toledo, nonostante avesse emanato una serie di leggi per fermare criminalità e prostituzione, non riuscì a placare questi fenomeni. Ma non fermiamoci soltanto a questo, andiamo più a fondo. E’ vero, i problemi ci sono e non pochi, come del resto ci sono in tutta la città e in tutte le città, italiane e del mondo - diciamolo -. Qui però troverete qualcosa di unico, che non potrete dimenticare. Nei Quartieri spagnoli c’è Vita, una vita che vorrebbe essere vissuta con dignità ma non sempre può. La colpa è anche nostra, che per paura, decidiamo di “abbandonare” chi ha più bisogno. Oggi sono tante le iniziative volte a valorizzare questa zona di Napoli, una tra tante vede la realizzazione, nel 2013, di un lungo corridoio (nella Stazione metropolitana Toledo) di collegamento, decorato con le foto di Oliviero Toscani, che porta all’uscita di Montecalvario. Vita che, qui, si manifesta anche attraverso le tradizioni culinarie. Per scoprirlo basta andare da “Trattoria Nennella”, nel cuore dei quartieri spagnoli dal 1949, dove potrete assaggiare il loro piatto forte, la gustosa pasta e patate con provola. Non dimentichiamo, inoltre,  che anche qui è l’arte a far da padrona, con le sue bellissime Chiese.  La speranza è che si possa, attraverso progetti che mettano in luce questa zona e che diano la possibilità - oserei dire - a tutti di lavorare onestamente, dare un Futuro agli abitanti del quartiere. Anche in questo caso, dopo esservi immersi in un luogo a dir poco incredibile per gli occhi e per il cuore, tappa obbligata a Via Toledo. Potrà sembrarvi di trovarvi “altrove”, ma in realtà il legame è molto forte e si percepisce. Due mondi che non possono vivere ed aver ragione d’esistere l’uno senza l’altro.

Letto 8792 volte Ultima modifica il Giovedì, 02 Ottobre 2014 14:41

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

 

 

Search

Language

Napoli Caput nel mondo

Napoli Caput nel mondo